.
Annunci online

trastasi
Pensieri sparsi
 
 

politica interna
24 settembre 2008
Il fallimento di Alitalia
Alla fine della settimana l'Enac revocherà all'Alitalia la licenza per il volo e allora sarà davvero la fine.
E' possibile che nel nostro Paese per ogni problema bisogna ricorrere alla politica?
Qui si trattava di mercato, non di politica. La funzione della politica è quella di stare con gli occhi aperti e di intervenire solo in caso di necessità.
Alitalia aveva scelto Air France tra le tante proposte, ma ratto Silvestro sbraitava che la bandierina sulla coda degli aerei sarebbe scomparsa.
Nella CAI nessuno capisce un tubo di mercato aeronautico, a parte Toto.
Verrebbe da pensare che questi "cavalieri salvatori della patria" faranno finanza e non impresa: appena le azioni Alitalia saliranno di un pò, venderanno al miglior offerente.
Qualcuno forse ricorderà la proposta dell'Unione di equilibrare la tassazione delle rendite finanziarie al livello europeo. Dov'è finita quella bella proposta?
Qualcun altro invece pensa davvero che la CAI abbia abbandonato le trattative.
No cari, non è così!
I sindacati saranno costretti a firmare perchè si trovano tra l'incudine e il martello: tra una proposta lacrime e sangue e il nulla.
Questo non perchè le altre compagnie internazionali non siano interessate ad Alitalia, ma perchè il governo si mette di traverso ad ogni tentativo di avvicinamento ("O la CAI, o niente!").
3000 lavoratori a tempo determinato e più di 3000 a tempo indeterminato dalla settimana prossima si troveranno senza un lavoro e senza alcuna prospettiva per il futuro.
Il resto si troverà con un contratto da fame e in mano a dei banditi.
Per fortuna  le pompe funebri sono sempre aperte.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica Alitalia fallimento Fantozzi CAI

permalink | inviato da trastasi il 24/9/2008 alle 17:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
6 settembre 2008
Tassa sugli immobili o tassa sui servizi?
E menomale che figurava tra i primi punti del programma dell'attuale governo!
Dopo aver tolto l'Ici sulla prima casa (peraltro una misura già presa dal governo Prodi per le famiglie meno abbienti), nella Lega si sono accorti che qualcosa non quadrava. Non quadrava perchè è stata cancellata una delle tasse più federaliste.
E allora ieri una nuova sortita del guerriero di Cassano Magnago, che ha previsto una nuova tassa sugli immobili per permettere la sopravvivenza dei comuni.
Troppo tardi: indietro non si torna, hanno tuonato nel Pdl.
Così Bossi ha abbassato il tiro per una nuova tassa sui servizi.
Chiamatela come volete: tassa sui calzini stesi, sugli spazzolini senza cappuccio, sulle mutande sporche, i comuni hanno bisogno di un'altra fonte di reddito perchè i soldi previsti da Tremonti in sostituzione degli introiti mancanti per l'Ici, non arriveranno mai o saranno poca cosa.
E siamo a due: tassa per Alitalia e tassa sui servizi...

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica Ici Lega Nord Bossi Calderoli tasse

permalink | inviato da trastasi il 6/9/2008 alle 10:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
28 agosto 2008
L'economia creativa di ratto Silvestro
Sì, è vero: ratto Silvestro ha ricevuto una laurea honoris causa in ingegneria gestionale!
E' vero anche che negli anni ottanta faceva comparire per magia 500 milioni di lire al giorno per i cantieri di Milano 2, senza alcun finanziatore.
E' vero che ha creato un impero economico e politico dal nulla.
Ma quello che ha fatto oggi farebbe impallidire John Nash e Adam Smith messi insieme!
Abbiamo una compagnia aerea con l'acqua alla gola, che perde più di un milione di euro al giorno, con un aeroporto inutile (Malpensa) e con personale triplo rispetto alle reali esigenze.
Cosa fare?
I sinistroidi esterofili avevano suggerito di vendere la compagnia ad Air France, per tentare il rilancio.
Qualcuno dica loro che se esiste la parola economia è perchè deriva dal latino Berlusco-Berlusconis, che significa "ci penso io!".
La soluzione dettata da ratto Silvestro è geniale, un capolavoro di economia creativa!
Si scinde la compagnia in due parti: una (la grande parte malata) porta con sè tutti i debiti e la zavorra di esuberi e viene commissariata, l'altra (la piccola parte sana) viene venduta alla famosa cordata italiana. Fino ad ora non si potevano fare queste cose, perchè significava fregare gli azionisti, ma non dimentichiamo che il nostro Silviuccio ha mille risorse! Così ha fatto un bel decreto legge per consentire la cessione della parte sana.
In pratica gli azionisti verranno truffati, il personale in esubero sarà doppio rispetto alla proposta francese e i cari amichetti di Confindustria molto felici di aver acquistato una compagnia snella e in attivo.
22 luglio 2008
Bossi e la fedeltà alla Repubblica

Il presidente della Camera Fini ha mostrato finalmente, dopo sei mesi, di non essere soltanto l'ombra di Berlusconi. Quello che ha fatto Bossi è stato gravissimo e ingiustificabile. E questa non è la prima volta: già altre volte ha manifestato, con metodi da osteria, il proprio dissenso a questa Repubblica. Federalismo non significa secessione. Ora si sente forte delle preferenze ottenute e sa di tenere in scacco l'attuale maggioranza. Qualcuno dovrebbe ricordargli l'art. 54 della nostra Costituzione recita: "Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge." Qualcuno dovrebbe ricordargli che già la riforma del titolo V ha martorizzato il Mezzogiorno, creando delle divisioni e delle disparità enormi all'interno dello stesso Paese. Qualcuno dovrebbe ricordargli che la "Questione Settentrionale" illividisce al confronto della Questione Meridionale. Qualcuno dovrebbe ricordargli che tutti i cittadini del Sud non emigrerebbero mai se avessero la possibilità di lavorare nella propria terra natia. Qualcuno dovrebbe ricordargli che fiumi di sangue sono stati spesi per creare una nazione unita. Qualcuno dovrebbe ricordargli che se il figlio viene bocciato qualche scalpellotto in più non fa male. Qualcuno dovrebbe ricordargli che lui non è Ministro per le riforme del Settentrione ma DELLA REPUBBLICA ITALIANA!
politica interna
20 luglio 2008
Orizzonte Cittadino: diritto di replica
Il movimento ORIZZONTE CITTADINO, è lieto di invitare tutti gli interessati all'incontro di venerdì 25 luglio in piazza Municipio ad Avella dalle ore 19:30.
Il tema della serata sarà:"2 ANNI DI AMMINISTRAZIONE SALVI". L'iniziativa trarrà spunto dal programma della lista civica "Avella Domani" che sostiene il sindaco Salvi e valuterà la realizzazione dei vari punti. E' il primo dibattito pubblico, promosso da liberi cittadini, che non appartegono alle logiche di maggioranza e opposizioni in seno al Consiglio Comunale. Il diritto di replica è garante della libertà di espressione e di confronto civile tra i singoli, forma fondamentale per il vivere civile di un paese, perchè, come recita l'art. 21 della nostra Costituzione, "tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione". Gli interrogativi che saranno oggetto di attenzione durante la serata sono:

- I cittadini si sentono ancora rappresentati da maggioranza e opposizioni?
- Sono state portate a termine le promesse della campagna elettorale?
- Quali sono le proposte in cantiere?
- I progetti realizzati hanno soddisfatto i cittadini?
- Quanto e come sono cambiate le cose negli ultimi due anni?

Tutti coloro che abbiano intenzione di intervenire saranno ascoltati.



permalink | inviato da trastasi il 20/7/2008 alle 17:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
agosto       
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Feed
blog letto 153696 volte